Serie A, largo alla “meglio gioventù”

Javier Pastore in azione con la maglia del Palermo (foto web)

In una giornata, la sesta di campionato, in cui si realizzano solo 14 reti, spiccano le perle di due ragazzini poco più che ventenni.

Spazio alle nuove leve. Javier Pastore e Josip Ilicic, entrambi centrocampisti offensivi del Palermo. Sono loro i protagonisti della vittoria della squadra siciliana per 2-1 sul campo della Fiorentina. Pastore, classe 1989, non è più una sorpresa; Ilicic forse lo è un pò di più.

El Flaco. Arrivato in Sicilia dall’Huracan a inizio 2009, Pastore viene presentato al pubblico e alla stampa come il nuovo Kakà. Un paragone pesante per il magro Javier (da qui il soprannome argentino “Flaco”), che nei primi mesi di vita calcistica italiana fatica a ingranare. Eppure in patria scommettono su di lui: Maradona lo fa debuttare con la maglia della Nazionale a meno di vent’anni e se lo porta anche in Sud Africa in occasione dei Mondiali di calcio.

Fuoriclasse. In questa stagione la definitiva consacrazione: tre reti in sei gare, assist e giocate da numero uno in ogni gara del Palermo. Sempre tra i migliori in campo. Le squadre europee sono pronte a darsi battaglia, in sede di mercato, per assicurarsi il talento di questo giocatore, destinato a diventare uno dei più forti calciatori del mondo nei prossimi anni.

Jojo. Ilicic, invece, aveva il Palermo nel suo destino. Il giovane sloveno (nato il 29 gennaio 1988), si fa notare allo stadio Renzo Barbera lo scorso agosto, durante i preliminari di Europa League. A Palermo Ilicic, che fino un mese e mezzo fa giocava con la maglia del Maribor, gioca due ottime partite tra andata e ritorno, e convince i dirigenti rosaneri a spendere poco più di due milioni di euro per acquistare il suo cartellino. Al momento segna solo contro le grandi squadre e di solito si tratta di quei gol che ti fanno stropicciare gli occhi. Ne vedremo delle belle.

Pareggio al Bentegodi. Il Chievo non riesce a superare il Cagliari. Nonostante una supremazia nel gioco, i clivensi pareggiano 0-0, issandosi comunque al quinto posto in classifica. Dopo sei giornate di campionato, gli uomini di Pioli hanno conquistato giù un quarto dei punti necessari per la salvezza.

Vola l’Aquila biancoceleste. Pareggiano a San Siro Inter e Juventus, ride la Lazio di Hernanes e Mauri, solitaria al primo posto in classifica undici anni dopo l’ultima volta. Subito dietro Inter, Milan e Napoli. Crisi profonda per Fiorentina e Roma. La classifica, comunque, resta cortissima.

Dino Guerrini

Risultati 6^ Giornata:

Bologna-Sampdoria = 1-1
Chievo-Cagliari = 0-0
Fiorentina-Palermo = 1-2
Genoa-Bari = 2-1
Inter-Juventus = 0-0
Lazio-Brescia = 1-0
Lecce-Catania = 1-0
Napoli-Roma = 2-0
Parma-Milan = 0-1
Udinese-Cesena = 1-0

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

About admin