Borriello, il gol dell’ex riapre i giochi

Borriello, un gol speciale per lui quello di sabato contro il Milan (fonte: web)

Due partite non disputate (Fiorentina-Inter, con i nerazzurri che sono andati a vincere il mondiale per club e Sampdoria-Genoa), quattro vittorie interne, tre pareggi e un solo, ma importante, successo esterno.

Giallorossi-blù. È questo il bilancio della 17esima giornata. L’ultima del 2010, che assume i colori giallorossi della Roma che batte il Milan capolista a San Siro, e quelli gialloblù del Chievo, che riacciuffa al 90esimo al Bentegodi la Juventus dell’ex Del Neri.

Il gol dell’ex. Il risultato più importante di questo turno di campionato l’ha ottenuto la Roma di Claudio Ranieri, che ha espugnato il campo del Milan grazie a una rete di Marco Borriello. Proprio l’ex più atteso di giornata ha vinto la sfida con il suo diretto rivale, Zlatan Ibrahimovic, che gli ha soffiato il posto al Milan. Ecco il resoconto della 17esima giornate e la storia del bomber giallorosso.

Infanzia difficile. Borriello, nato il 18 giugno 1982, è cresciuto nel quartiere napoletano di San Giovanni a Teduccio. Non un quartiere qualsiasi: si tratta, infatti, di quello a più alto tasso di famiglie malavitose in tutta Napoli. Suo padre viene ucciso dalla camorra quando lui ha undici anni, e cresce con la madre e i suoi due fratelli.

Un calcio ai problemi. Attaccante mancino dotato di un gran fisico, di buona tecnica e fiuto del gol, Borriello cresce nelle giovanili del Milan, si forma con le esperienze a Treviso e con la Triestina e ritorna a Milanello nel 2002. Sono gli anni d’oro dei rossoneri e per Borriello in attacco non c’è spazio. Così lui ricomincia a vagabondare: Reggina, Sampdoria e ancora Treviso, fino a quando non arriva alla squadra che gli cambia la carriera: il Genoa.

Calcio e donne. Con la maglia del Grifone, nella stagione 2007/08 segna 19 reti in 35 partite e il Milan decide di riprenderselo. E’ il periodo migliore (fino ad oggi) di Borriello che, nonostante gli infortuni, si ritaglia uno spazio nel Milan (15 reti in 37 gare in due stagioni), e sulle pagine dei giornali scandalistici, in seguito alla tormentata love story con la modella Belen.

L’addio al Diavolo. L’arrivo al Milan di Ibrahimovic a fine agosto per Borriello significa una sola cosa: ritorno in panchina. A 28 anni Marco non ci sta più e nelle ultime ore di mercato dice no alla Juventus per vestire la maglia della Roma. Ad accoglierlo ci sono Totti e De Rossi, con quest’ultimo che gli scrive un sms di benvenuto: “Annamo a vince”.

Reti e Nazionale. Al momento Borriello in campionato ha realizzato sette reti in sedici incontri, che sono valsi venti punti, un’enormità. In Nazionale ha debuttato il 6 febbraio 2008 in amichevole contro il Camerun.

La nuova fiamma. Dicono che dopo Belen sia rimasto scottato e con le donne non sia un periodo felice. Balle, Borriello ha già una nuova fiamma (l’ultima …) davvero niente male. Trattasi della modella romena Madalina Diana, la ragazza che chiede il telefono a Raul Bova nell’ultimo spot della 3. Insomma, c’è di peggio nella vita.

Buon Chievo. I gialloblù di Stefano Pioli pareggiano al 90esimo la sfida con la Juventus, rovinando il Natele dell’ex Del Neri. A segno capitan Sergio Pellissier, che chiude con questo gol un 2010 ricco di soddisfazioni.

Classifica. Nonostante la sconfitta, il Milan resta saldo al primo posto in classifica con 36 punti. Seguono Napoli e Lazio a 33 e Juventus a 31 e Roma a 29.

Risultati 17^ Giornata

Bari-Palermo = 1-1
Catania-Brescia = 1-0
Cesena-Cagliari = 1-0
Chievo-Juventus = 1-1
Fiorentina-Inter = Rinviata a data da destinarsi
Lazio-Udinese = 3-2
Milan-Roma = 0-1
Napoli-Lecce = 1-0
Parma – Bologna = 0-0
Sampdoria-Genoa = Rinviata a data da destinarsi

Dino Guerrini

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

About admin