Kate e William, il royal wedding è servito

Il bacio tra Kate e William, già una delle foto simbolo dell'anno (fonte: web)

È giunto il grande momento, William e Kate si promettono eterna fedeltà di fronte all’altare e i paparazzi di tutto il mondo si scatenano.

Matrimonio globale. In questi giorni è stato scritto di tutto e di più sulla loro love story e non solo. Quello a cui il mondo ha assistito è, comunque, senza dubbio il più moderno e (probabilmente) seguito matrimonio reale della storia.

Una “commoner” sul trono. Si calcola, infatti, che quasi due miliardi di persone abbiano assistito all’evento collegati da tutto il mondo. Ad attirare così tanto l’attenzione sul “royal wedding” è soprattutto la bellissima Kate Middleton e la sua estrazione sociale. La prima “commoner”, dopo secoli, a sposare il futuro erede al trono britannico. Ma questo, come rivela uno studio globale del Social Network Badoo, è piuttosto “comune” per i matrimoni reali moderni – specialmente in Europa – rispetto a quello che tutte le persone pensano. Appena un principe su quattro, nel mondo, sposa oggi una donna di sangue blu: lo rivela uno studio realizzato su 107 storie d’amore fin dalla Seconda Guerra Mondiale.

Più che un sogno, un incubo. Complice la pressione che i media e l’interesse pubblico esercitano su questo matrimonio, la povera Kate ha passato le ultime notti prima del fatidico “sì” in bianco. Già, perché la nuova erede al trono inglese ha sognato più volte, come raccontano alcuni tabloid d’oltre Manica, di ritrovarsi nuda di fronte a tutti all’interno dell’abbazia di Westminister.

Conti da capogiro. Alcune fonti rivelano che il costo della celebrazione si aggira sulle centomila sterline per ognuno dei due genitori della sposa. I conti in tasca ai Middleton – che hanno fatto fortuna con un’azienda che vende on-line oggettistica per le feste – sono stati fatti dal Sunday Times. Ben trentamila sterline se ne sono andate solo per l’abito della sposa, ventimila per quello di sua sorella Philippa Charlotte (detta “Pippa”), damigella d’onore. I Middleton hanno inoltre pagato il conto del Goring Hotel, l’albergo nel lussuoso quartiere di Belgravia, non lontano da Buckingham Palace, dove l’intera famiglia ha trascorso la notte prima delle nozze. A queste si aggiungono le spese per gli abiti di tutte le damigelle, i paggetti d’onore e la luna di miele, oltreché il contributo per la cena. Il resto (c’è anche un resto?) è toccato alla famiglia reale, mentre il governo si è accollato i costi della sicurezza.

Lo scambio degli anelli (fonte: web)

Occhio all’accordo prenup. Una cosa che in Italia non si può fare, ma che i nobili di altre terre usano invece spesso. Favola a parte, sembra che William e Kate abbiano firmato – come racconta il quotidiano tedesco Bild – un ‘prenup’, ovvero un patto prematrimoniale, presso lo studio legale Spears di Londra. I contenuti, decisamente, non sono a favore della bella Kate. In pratica, se i piccioncini dovessero divorziare, l’affidamento degli eventuali eredi andrebbe soltanto a William. In più la Middleton perderebbe il titolo di Altezza Reale, non potrebbe vivere in nessuna delle nobili dimore e non le spetterebbe nemmeno un soldo del patrimonio del principe.

Bookmakers in tilt. Che gli scommettitori inglesi siano i più pazzi del mondo (in senso buono ovviamente) questo lo si sapeva già. Ecco perché sono da citare alcune delle cose più bizzarre sulle quali i bookmakers in questi giorni si sono lanciati nelle scommesse. A parte i colori del bouquet o il menu nuziale, dalle condizioni meteorologiche al tipo di cappello della regina Elisabetta, i british bookmakers hanno scommesso sulle lacrime del primo ministro David Cameron, sulla perdita delle fedi nuziali, sul ritardo della sposa (perfino sull’abbandono!), su quale possa essere la canzone del primo ballo di Kate e William (è stato testa a testa tra “Something about the Way You Look Tonight” di Elton John e “Beautiful” di James Blunt). Addirittura qualcuno ha puntato sulla gravidanza-lampo e sulla sopravvivenza del matrimonio prima del decimo anniversario. E poi qualcuno osa dire che questo matrimonio non interessa a nessuno …

Francesco Iannò

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

About admin