Il ritorno di Syria, live al Forum Fnac

Syria live alla Fnac di Verona (foto di Boris Puggia)

Ritorno sulle scene per la cantante romana.

Non da tutti. La dolcissima Syria ha salutato al forum Fnac il suo pubblico giovedì scorso regalando ai presenti un’emozionante esibizione live. Quando vengono alla Fnac di Verona spesso i big della musica italiana si limitano a firmare autografi e ha rispondere a qualche domanda. Non è il caso di Syria.

Live in Fnac. Accompagnata da una chitarra acustica, Syria ha voluto far sentire la sua splendida voce cantando alcune delle sue nuove canzoni. Alcune di queste fanno parte del suo ultimo lavoro: “Scrivere al futuro”.  Si tratta del suo ottavo disco in studio, per Syria, al secolo Cecilia Cipressi. Segna il suo ritorno al pop dopo un incursione nel mondo per così dire dell’indie. Il precedente “Un altra me” era un tributo ad alcuni gruppi della scena italiana, poco visibili al grande pubblico, perché spesso non passano per i circuiti ufficiali. Come lei ha voluto precisare “è stata una scommessa, ho interpretato canzoni che mi piacevano. Non ho voluto rivelarmi la paladina di questa realtà, ma solo raccontarle a modo mio”.

Il nuovo album della cantante si intitola "Scrivere al futuro" (Foto di Boris Puggia)

Nel nome di Lucio. Uscito il 3 maggio, a seguito del singolo apripista “Sbalzo di colore”, il  disco celebra un mito della musica italiana.  “Ascoltando Battisti abbiamo deciso di fare questo album leggero … è stato fatto con istinto e felicità, mi rimarrà a lungo questo ricordo”. Le canzoni che più ci hanno emozionato alla Fnac sono state  “Scrivere al futuro”, brano che dà il titolo all’album e “Sbalzo di colore”.

Con la puglia nel cuore. “Quest’ultimo pezzo, che apparentemente può sembrare molto semplice, è stato commentato in rete dai miei fan, assumendo variegate interpretazioni che mi hanno piacevolmente stupita. La canzone deriva direttamente dalla Puglia, precisamente dalle parti di Ostuni, dove nel bel mezzo della natura ho trovato l’ispirazione”.

“La mia coerenza è l’incoerenza”. Il cambio di genere per Syria non deve essere visto come una trasformazione, semplicemente una voglia di sperimentare dell’altro, “si fa musica è mi voglio divertire, non esistono i generi, non seguo un filo logico”. Si definisce eclettica che ama l’arte. La bellissima 34enne ha anche parlato dei suoi hobby, su tutti le mini installazioni che ama fare, “sono delle barbi che compro ordinandole direttamente dal Giappone e poi modifico un po’, personalizzandole e regalandole in giro … sono delle dichiarazioni d’amore per i miei amici. Una l’ho regalata anche alla figlia di Mina!”.

Boris Puggia

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

About admin