Andy Fletcher, dj da favola a Riva del Garda

Andy Fletcher dietro la console (foto di Boris Puggia)

Serata elettronica “doc” sul Garda.

Ritorno agli anni Ottanta. Appuntamento unico quello che si è svolto sabato 20 nel Piazzale ex stazione di Riva del Garda con il dj set di Andy Fletcher. Sound in puro stile ottanta, tra new wave ed elettro. Andy John Fletcher, detto Fletch, per chi non lo sapesse è tra i co-fondatori dei Depeche Mode, nonché tastierista attuale del gruppo.

Unica data. Il cinquantenne musicista di Nottingham, vista la momentanea pausa con i Depeche, si diverte a proporre la musica che più gli piace in giro per il mondo e dopo Tokio e Osaka è arrivato per lui l’unico set italiano dell’estate. Location scelta: il lago di Garda.

Viva Garda. Sui laghi del Trentino alcuni tra i migliori dj in circolazione. L’evento fa parte della rassegna “Viva Lago”, questa la prima edizione, cominciata il 5 agosto e conclusasi domenica 21.Tra i protagonisti delle movimentate serate, oltre al già citato Andy, ci sono stati anche altri big della dance mondiale come Claudio Coccoluto, Sister Bliss dei Faithless, Joe T Vannelli e Boosta direttamente dai Subsonica.

Enjoy the (free) music. Il tutto rigorosamente free entry. Le otto serate organizzate da Agostino Carollo hanno una comune caratteristica. Essendo state sponsorizzate da vari enti hanno permesso al pubblico l’ingresso gratuito con conseguente arrivo di un buon numero di persone. Torniamo al set di Andy. Ad aprire la serata ci ha pensato Carollo aka Spankox che ha fatto agitare l’atmosfera dopo un inizio un po’ freddino.

Clap the “Clapman”. Ma è con l’arrivo di Fletcher che il clima della serata è cambiato completamente.“Clapman” –  com’è soprannominato dai suoi fan per il celebre battito di mani che usa per incitare il pubblico durante i concerti dei Depeche – ha avuto l’occasione di presentare alcuni dei brani della recente raccolta di remix dei Depeche Mode, “Remixes 2: 81-11” che segue “The Remixes 81-04” del 2004.

Tris d’assi. Il pubblico si è letteralmente scatenato soprattutto nelle fasi conclusive del set quando Andy ha proposto delle vere e proprie chicche. Sono state infatti mixate in successione tre dei più celebri brani della sua storica band, le hit “Personal Jesus”, “Enjoy the silence” e “Just can’t get enough”. Sulle note di quest’ultima in particolare nessuno si è potuto esimere dal ballare!

Boris Puggia

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

About admin