Samuele Bersani e i suoi venti anni di musica

Tanta carne al fuoco nel nuovo album di Samuele Bersani, “Psico”, che l’autore ha presentato al forum di Fnac a Verona. L’opera è in realtà un compendio, un portfolio delle sue più belle opere, che presenta però anche alcuni interessanti singoli. Il titolo “Psico” è volutamente senza acca, come lo è stato la trasposizione italiana del titolo del capolavoro di Hitchcock del 1960. Il cantante riminese, per l’occasione, ha intrattenuto i suoi fan parlando della sua ultima opera, dispensando anche battute e curiosità.

Per Bersani sono 20 anni di canzoni. “Psico” è anche il nome di uno dei due inediti di questa raccolta assieme a “Un pallone”, singolo presentato all’ultima edizione del Festival di Sanremo e vincitore del Premio della Critica. “Psico è una delle mie canzoni più riuscite, perché è una di quelle più sincere” ha detto Bersani. Un lavoro che segna venti lunghi anni di fatiche.

Psico: un fiume di note. Bersani ha voluto inserire nella tracklist moltissime canzoni: ben 28 in un doppio cd. Canzoni che avessero ancora qualcosa da raccontare e non necessariamente le più passate alla radio. Insomma è un director’s cut più che un best of: “Porsi davanti a se stessi e scegliere le cose più interessanti non è stato facile – ha spiegato il cantante -. Anche quando ero piccolo se dovevo conquistare qualcuna le regalavo una cassetta con le canzoni che mi sembravano più azzeccate. Che impresa ogni volta!”

Dallo sport ai social network: a ruota libera. Samuele ha un ottimo rapporto coi fan e si è messo a rispondere a tutte le domande che gli venivano fatte. Da qui scopriamo che ha sofferto da sempre un brutto rapporto con lo sport: da piccolo gli sono stati rotti gli occhiali giocando a pallavolo. Ma non con una schiacciata come si potrebbe immaginare, bensì con un bagher! Insomma da piccolo era un vero nerd. Il quarantunenne emiliano ha parlato poi della sua ossessione per Facebook. “Considero la pagina Facebook un modo di capire il punto di vista di chi mi ascolta. Forse è l’unico”. E aggiunge schiettamente: “A volte mi sveglio durante la notte oppure mentre sono in bagno e vado a guardarmi quanti hanno cliccato ‘mi piace’ sul mio ultimo post”.

Anche su Celentano Bersani dice la sua. Anche su Adriano Celentano e le sue dichiarazioni scottanti a Sanremo ha voluto dire la sua: “Si è vero Adriano ha esagerato chiedendo di chiudere Famiglia Cristiana e l’Avvenire, perché deve esserci libertà di parola per tutti – ha spiegato Bersani -. Ma è anche vero che alcune trasmissioni pomeridiane che ci sono in tv hanno lavorato molto più di Celentano a ‘fregare’ il cervello a una generazione di italiani” (e forse più di una, aggiungiamo).

Cinema, musica e.. ovviamente piadine. Quando si è apprezzati e si ha un volto celebre capitano episodi molto divertenti. “Se vai dal salumiere ti chiedono una canzone sui salumieri. Dal panettiere è lo stesso” dice scherzosamente il cantante riminese. E alla domanda di un fan se il progetto di esportare in India la piadina romagnola fosse ancora presente nella sua testa la risposta di Samuele è immediata: “Certo che si!”.

Boris Puggia

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

About redazione