Tempeste solari: la stella si sta svegliando

Il Sole sta attraversando un ciclo di intensa attività (fonte: web)

In questi giorni sulla superficie della nostra stella è esplosa una tempesta solare che ha lanciato verso la Terra un vero e proprio sciame di particelle magnetiche. I metereologi del National Oceanic and Atmospheric Administration’s Space Weather Prediction Center riferiscono che l’eruzione solare potrebbe creare serie interferenze su reti elettriche, gps e voli aerei.

Una tempesta magnetica non da poco. Si tratta del maggior fenomeno di questo tipo negli ultimi cinque anni. Ma è presto, secondo gli esperti, dire quanto possa durare la tempesta magnetica e quindi quanto sarà intensa. Dai dati acquisiti dal satellite Ade (Advanced Composition Explorer (Ace), il vento di particelle viaggia alla velocità di 286 chilometri orari.

Attenzione: il Sole si sta risvegliando. Numerosissimi satelliti americani ed europei stanno seguendo l’attività solare perché, secondo gli scienziati, è probabile che in questi mesi se ne possa registrare un picco notevole. La nostra stella ha dei cicli di attività a fasi alterne che durano 11 anni e nel 2008 è terminato quello di debole intensità. Ecco perché si pensa che il picco di questo nuovo ciclo più intenso si possa registrare a gennaio-febbraio 2013. E quello sarà un momento di particolare splendore per il nostro Sole.

In arrivo splendide aurore polari. Anche se il Sole non è ancora completamente “sveglio” non è detto che le tempeste da qui ai prossimi mesi siano più violente. In ogni caso lo scontro fra lo sciame di particelle provenienti dal Sole e il campo magnetico terrestre potranno creare incantevoli aurore e colorare il cielo dei Poli, ma nei casi più gravi le tempeste possono danneggiare i satelliti, provocando problemi nelle telecomunicazioni.

Pericoli per satelliti e gps, ma non per l’uomo. Al momento si sono verificati solo dei black out nelle telecomunicazioni a onde corte, ma si potranno registrare problemi anche a quelle satellitari. Il flusso di particelle, infatti, crea una perturbazione nel campo geomagnetico del nostro pianeta creando effetti sulle nostre tecnologie. Gli esperti, inoltre, dicono che non dovrebbero esserci problemi all’uomo. Al massimo, aggiungono, potrebbero esserci problemi per chi viaggia in aereo, ma solo per opera di modifiche ai piani di volo. Si assicura che non ci saranno problemi diretti alla salute.

Francesco Iannò

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

About redazione