Nadia Luongo- Art made with food

Totò miseria e nobiltà

Totò miseria e nobiltà

Nutrire il Pianeta Anche con L’Arte del Food !!!

Potrebbe essere nominata portabandiera del Expo 2015   –   why not !!!

Un artista che fa parlare il Cibo , e con gusto fa riflettere in ogni suo “piatto”  l’espressione dell’artista stessa.

Nata a Napoli nel 1986, mi sono laureata e specializzata in ingegneria biomedica (a Napoli) ma la mia reale passione da quando sono piccolissima è sempre stata il disegno. Negli anni ho continuato a coltivare questa passione tra alti e bassi, passando per un periodo di inattività durato qualche anno per motivi di studio. Non so bene cosa sia successo ma qualche anno fa ho ripreso a disegnare e non solo: ho iniziato a sperimentare nuove tecniche. Ho realizzato una serie di ritratti di personaggi famosi utilizzando esclusivamente oggetti salvati dalla spazzatura: bottoni, perline, tappi di bottiglia, giocattoli usati, nastri di videocassetta, pezzi di tessuto, carta di giornale e così va.

Il senso è quello di dare nuova vita ad oggetti che normalmente dovrebbero essere gettati via. Oltre alla “trash art”, ho iniziato a dedicarmi alla “food art”, Le mie opere sono molto “pop”, prendono ispirazione dal mondo del cinema, della musica, dei fumetti… Sono convinta che l’arte sia per tutti…e che l’ispirazione possa provenire dalle situazioni più quotidiane. Basta guardare le cose con occhi diversi.

 

Tributo a Pino Daniele       ‘Na tazzulel ‘e cafè

L’Amore per la propria terra , l’Amore per gli Artisti che ne fanno parte                                                                    Pino Daniele

Pino Daniele

Sofia Loren la più Grande Diva di tutti i tempi,

il suo ritratto su una Pizza la sua pietanza preferita.

10696383_855774131111229_6370510234268187306_n

Sofia Loren

 

 

 

 

 

 

 

 

Intervista di Iannibelli Michele

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (5 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +3 (from 3 votes)
Nadia Luongo- Art made with food, 10.0 out of 10 based on 5 ratings

About michele iannibelli