Il pop “gentile” della signorina Allen

La copertina del disco di Lilly Allen (fonte: dal web)

La copertina del disco di Lily Allen (fonte: dal web)

Un titolo che (nonostante i tre asterischi) lascia poco spazio all’immaginazione.Un motivetto allegro, quasi un jingle, che entra in testa, ci rimane e fa venire voglia di canticchiarlo, neanche fosse il ritornello di un popolare spot pubblicitario.

Un pezzo bubblegum pop, che si appiccica e non lo stacchi più (dalla mente). Sono questi gli elementi dell’ultimo singolo di Lily Allen che sta sorprendentemente scalando le classifiche europee.

Il titolo è “F*** you”e, come detto, quegli asterischi non velano proprio nulla del testo, nel quale viene aggiunto anche un bel “very, very much!”.

L’estroversa cantante inglese, mescolando sapientemente un’allegra melodia, quasi da spot di cibo per gatti, con un testo in cui manda tutti a quel paese è salita letteralmente alla ribalta e una volta tanto non per essere stata arrestata a seguito di una rissa da bar o per le dichiarazioni rilasciate sul suo blog.

No, questa volta si tratta della genialitàdi quest’autrice giovane e tormentata, vittima del suo estro e allo stesso tempo “glorificata” per essersi dimostrata a più riprese incorreggibile. Mentre ci si domanda se e come questo inaspettato successo sia destinato a rilanciare la pop-star, il suo pezzo rincorre “I gotta Feeling” dei Black Eyed Pies e “She Wolf” di Shakira, fra le canzoni più gettonate in radio.

Intanto l’album, intitolato anche questo con ironia “It’s not me, it’s you”,si sta attestando come il terzo più venduto del 2009. Insomma davvero complimenti a questa ragazza irriverente che ha risposto all’indice puntato di tutti, farcendo un pezzo trascinante con una espressione linguistica tanto usata quanto lapidaria e significativa. Esperimento riuscito, signorina Allen.

Roberto Carrisi

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

About michele iannibelli