Sport, splende il tricolore in Australia

Il baby-fenomeno Scarcella in azione (fonte: dal web)

Il baby-fenomeno Scarcella in azione (fonte: dal web)

Un pizzico d’Italia nelle news australiane. Su Tv e quotidiani locali negli ultimi mesi impazza sempre più il tricolore. Ancora una volta è lo sport che ci fa esprimere al meglio facendo ben parlare di noi all’estero. Lo stesso sport che durante le grandi manifestazioni (una volta tanto!) ci unisce tutti, ma proprio tutti e ci regala gioie e dolori, magari seduti attorno ad una pizza.

Dopo i buoni risultati ottenuti nel tennis agli Open Australia, con cinque azzurre qualificate al terzo turno – nonostante si sia discusso più delle qualità estetiche delle nostre atlete, che di quelle tecniche, vedi Pennetta e Schiavone – l’attenzione dei media sembra essersi spostata su Giuseppe Scarcella, golden boy del momento.

Quindicenne nato nei pressi di Sydney ma purosangue italiano – entrambi i genitori sono siciliani – , è il nuovo fenomeno delle due ruote. La passione per Giuseppe è nata in tenera età. Dopo essere salito a soli sei anni per la prima volta su una minimoto, infatti, è stato subito grande amore e non se ne è più distaccato.

Scarcella ha debuttato a 13 anni nel campionato nazionale di motociclismo, classe 125, concludendo la stagione in seconda posizione e vincendo una gara nel leggendario circuito di Phillips Island. In seguito alla vittoria del ”Memorial Barry Sheene” per il talentuoso italo-australiano è poi arrivata la chiamata europea e dopo essersi trasferito in Abruzzo per dimostrare le effettive doti al menager Regalino Iannone, padre di Andrea Iannone, lo scorso dicembre è stata la volta della Spagna, con alcuni test a Valencia.

Visti gli ottimi risultati ottenuti è stata fatta al campioncino una proposta che non poteva rifiutare, debuttare nel prossimo campionato spagnolo categoria 125. Senza voler troppo esagerare alcuni vedono in lui delle similitudini con Valentino ”The Doctor” Rossi. Chissà che quelle sue origine italiane non gli diano lo slancio necessario ad arrivare anche solo a competere con l’ex bambino prodigio di Urbino. “Davanti a me si presenta l’occasione della vita, e per questo voglio dimostrare di cosa sono capace, sia a me stesso, sia a chi mi sta dando questa possibilità sperando di non deluderli” ha affermato recentemente Scarcella. E in tal senso tutti noi non possiamo che fargli un grosso in bocca al lupo!

Dal motociclismo al raffinato golf
, ma non per spettegolare del solito Tiger Woods e delle ormai note vicende extrafamiliari, bensì per menzionare un’altra nostra connazionale che si è comportata egregiamente nella terra dei canguri, la bravissima Giulia Sergas. La triestina ha raggiunto, infatti, proprio qui in Australia un più che lusinghiero risultato, classificandosi quarta nel terzo torneo del Ladies European Tour, disputatosi a Melbourne. Nel “Commonwealth Golf Club” la triestina ha concluso la gara con 288 colpi, mentre l’altra italiana presente, Veronica Zorzi è giunta 65esima. Per la cronaca la taiwanese Yani Tseng, dopo un testa a testa estenuante con la detentrice del titolo l’inglese Laura Davies, ha avuto la meglio, portandosi a casa un assegno da 63mila dollari su un montepremi totale di oltre 380mila.

Si è parlato pure di calcio, tanto per cambiare. Gli australiani non vedono l’ora di regolare i conti dopo il grave torto (a loro dire) subito quattro anni fa durante i mondiali di calcio in Germania, con il famoso rigore (molto dubbio) subito contro l’Italia e trasformato dal pupone Francesco Totti che ne ha decretato l’eliminazione. Basta parlare di calcio con qualsiasi appassionato che si trovi in giro che subito l’attenzione si concentra su quel fatidico episodio. Italiani amanti del pallone siete tutti avvisati, l’Australia medita vendetta!

Dal nostro inviato

Boris Puggia

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

About michele iannibelli