E’ il web la nuova frontiera dell’Arte

L'opera di presentazione sull'homepage dell'artista di origine olandese

L'opera di presentazione sull'homepage dell'artista olandese

Un giovane artista che si sta imponendo con il suo stile, con il suo genio, a livello mondiale. Le opere di Rafael Rozendaal sono, prima di tutto, delle Novità. Con la “N” maiuscola.

Nuovo è, infatti, il concetto che supporta tutto il suo lavoro. L’idea di esprimere pensieri (semplici, ma anche molto complessi) nella forma d’arte contemporanea per eccellenza: quella digitale.

Quella del web, di Internet. La rivoluzione che più di tutte ha segnato il passaggio alla contemporaneità. La più importante degli ultimi cinquant’anni. Ecco qui di seguito un breve ritratto di questo artista (a)tipico del nuovo millennio. La sua pagina: www.newrafael.com.

Innovativa, non è solo l’idea, ma anche anche la forma con cui questi concetti vengono espressi e veicolati. Ogni opera è un sito internet. Il nome dell’opera è il dominio del sito. Anche la modalità con cui queste opere vengono vendute è del tutto particolare. L’acquirente firma un contratto di acquisto e il dominio/opera diventa suo. L’idea democratica che sta alla base di tutto questo modo di vedere il mondo – per così dire open source – si basa essenzialmente sul fatto che nel contratto di vendita viene dichiarato espressamente che l’opera deve rimanere pubblica. Chiunque può accedervi e vederla o interagire con l’opera ed il nome del proprietario (o forse sarebbe meglio dire il possessore) dell’opera rimane impresso sulla barra della finestra.

Rafael Rozendaal espone e crea dal 2001. Il suo sito è arrivato a quota 20 milioni di viste all’anno (fonte: Google Analytics). Basti pensare che il museo più visitato al mondo è il Louvre con 8,3 milioni di visitatori all’anno (fonte: Linda Sandler / www.bloomberg.com). L’opera di Rafael Rozendaal non richiede spostamenti, né code e tantomeno biglietti. È gratuita è disponibile a tutti da casa, da lavoro o dal telefonino. Per vedere e interagire con le sue opera basta collegarsi al suo sito (www.newrafael.com).

Nato ad Amsterdam nel 1980, da padre olandese e madre brasiliana (discendente dell’ex presidente Humberto Castello Branco) espone in gallerie e musei di tutto il mondo. Nel 2010 ha esposto (tra le altre cose) alla Spencer Brownstone Gallery di New York, alla Preteen Gallery (Puerto Rico) e alla Future Gallery di Berlino per la rassegna Better Brain: Projected Manifestations of Futurity. Le installazioni sono (ovviamente) di tipo digitale e le opere rimangono pubbliche e visibili a tutti. Si sposta in continuazione tra Los Angeles, Amsterdam, Tokio e Parigi. Ma come lui stesso ammette la sua casa è il mondo: “vivo e lavoro negli hotel” ha spiegato.

C. Bes.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

About admin